Associazione Onlus Filo
Loading…
F.I.L.O.

F.I.L.O.

F.I.L.O.

News & Eventi

Progetto ICARO - Trasferta all'Isola D'Elba - 23-27 giugno 2013
di Associazione F.I.L.O. - 15 luglio 2013 18:24

Evento collegato alla Manifestazione annuale Marelba
Attività fisica in mare ed in montagna, conoscenza del territorio con ragazzi diversamente abili provenienti da Roma e dalla Svizzera

Diario del gemellaggio di filo Onlus Roma, delegazione Svizzera e il Comitato Marelba presso l’Isola D’Elba dal 23 al 27 Giugno

Partenza il 23 Giugno dal circolo Panda, diretti al porto di Piombino, di una delegazione formata da 8 Atleti e 7 Accompagnatori:
Atleti: Federico, Andrea Celletti, Massimo, Silvia, Francesca, Romeo, Manuela.
Accompagnatori: Vincenzo, Daniel, Fiorella, Giuliana, Nella, Francesca Ricosta, Francesca Lanni.
Un pò emozionati ed anche preoccupati per questa nuova avventura.

Il viaggio è stato ottimo, siamo arrivati a Portoferraio puntuali e abbamo preso possesso delle camere presso l’Hotel San Giovanni.
Incontro con la delegazione svizzera: Liliane e Laurence,
Ore 20 incontro con il Presidente del Comitato Marelba, Dottor Davini ed una rappresentanza di genitori, accompagnatori e ragazzi diversamente abili. Cena a base di pesce presso un ristorante sul lungomare della spiaggia delle Ghiaie.
Ci siamo trovati subito a nostro agio, e le nostre preoccupazioni cominciavano a svanire.
Appuntamento per il giorno dopo alle ore 8,30 puntuali.

24 Giugno: escursione trekking sul monte Perone passando da Marina di Campo. L’escursione in mezzo ad un bosco, pieno di profumi, ci ha permesso di ammirare dall’alto il panorama dell’isola, bellissimi posti, e ci ha permesso di amalgamarci sempre di più con la comitiva del luogo. Abbiamo conosciuto tanti ragazzi, il più piccolino Aron di 4 anni è stata la mascotte del nostro gruppo, ma anche Simone, Lorenzo, Lisanna, Alessandro ,Veronica, Martina ed altri che hanno fatto amicizia con i nostri ragazzi ed è nato un gruppo, ci siamo sentiti accettati e da allora anche in confidenza con i genitori, nonni ed accompagnatori. Abbiamo veramente cominciato a rilassarci ed a gustare le bellezze dell’Isola.
Pranzo al sacco tutti insieme offerto dal comitato.

Visita successiva al paesino Sant’Ilario in Campo, caratteristico, le strade strette tipiche di questo posto hanno permesso ai ragazzi delle scuole del luogo di addobbarlo tutto con stelle marine, polipetti, fiori marini etcc..ricavate dalle bottiglie di plastica, veramente simpatici e da ricopiare...
I viali addobbati di fiori con colori forti, sembrava che gli abitanti facessero a gara a chi li componesse meglio.
Poi siamo andati alla cittadella del penitenziario di Porto Azzurro. Incontro con alcuni ergastolani. Emozionante avere avuto modo di parlare con loro, sul tempo libero, sulla scuola che alcuni frequentano, sulle poesie che uno di loro aveva scritto. Ci hanno regalato alcune cose che nel tempo libero preparano, ma ci hanno fatto sentire anche la loro solitudine, la loro voglia di redimersi e di tornare liberi. Dalla cittadella si vede un panorama bellissimo, Porto Azzurro che è azzurro davvero, ci siamo lasciati alle spalle con amarezza una realtà che non sempre teniamo presente.
Serata a Porto Azzurro con cena offerta dal Comune presso un ristorante sul mare a forma di caravella. Cena a base di pesce. Chitarra in mano e ritorno a Portoferraio passando tra le bancarelle di souvenir, stanchi ma soddisfatti.
Appuntamento alle 8,30 del giorno dopo.

25 Giugno : giornata completa al mare presso Marina di Campo con tutto il gruppo. Escursioni sul kaiak. Tutti, piccoli e grandi, abbiamo provato questo sport, ed allontanandoci dalla riva abbiamo potuto vedere da lontano l’isola di Monte Cristo, del Giglio ed una panoramica di Marina di Campo. Solito pranzo al sacco con tutti e cena di nuovo a base di pesce presso il lungomare della spiaggia delle Ghiaie a Portoferraio.
In occasione di questa cena, Alessandro Davini ha regalato ai ragazzi medaglie e magliette di Marelba e noi abbiamo contraccambiato con una targa ricordo e dei parei da spiaggia. Portando i saluti del nostro Presidente e di tutta la Filo Onlus. Appuntamento per il giorno dopo alle 8.

26 Giugno: escursione all’Isola di Pianosa, trasferimento in motobarca partendo da Marina di Campo verso l’isola cosiddetta piatta, per la sua forma inconfondibile. Un rappresentante di Econauta di Campo nell’Elba, sostenitore delle uscite in mare, ha regalato ai ragazzi una maglietta. Mare bellissimo, colori e fondali stupendi, ma solo in pochi sono riusciti a gustare questo mare pulito, ed a guardare i fondali pieni di pesci, solo i più audaci e muniti di maschere e tubo, a causa delle meduse, troppe per un bagno ristoratore. Ma è stato sempre positivo poter continuare a raccontarci sulla spiaggia, mentre pranziamo tutti insieme, le nostre esperienze, le nostre vite ed entrare nel mondo degli isolani, e loro nel nostro. Lunga passeggiata sotto le mura del carcere di Pianosa oramai vuoto. Ritorno a Portoferraio, ma la giornata non è finita, infatti ci trasferiamo agli impianti sportivi della ASD Elba Rugby dove i nostri ragazzi hanno giocato a Rugby e dopo... tutti a cena offerta dalla stessa società questa volta a base di ragù e carne.
Stanchissimi tutti, ma contenti per tutto ciò che stavamo vivendo. Appuntamento per il giorno dopo alle 8,30 con, oramai, i bagagli in macchina.

27 Giugno: escursione in cabinovia a Monte Capanne, partendo da Marciana alta. All’inizio c’era un pò di timore a prendere la cabinovia, ma dopo tutti siamo saliti, ed è stato bellissimo, un panorama stupendo, scesi dalla cabinovia abbiamo fatto altra strada in salita tra le rocce arrivando alla punta estrema e guardando tutto intorno abbiamo visto tutto l’arcipelago toscano, le isole di Monte Cristo, del Giglio di Capraia, la costa della Toscana e da lontano si intravedeva anche la Sardegna. Sembrava di stare in un altro mondo, abbiamo ammirato tutto e prima di riprendere la cabinovia in discesa una baita del posto ci ha offerto la colazione dell’alpino, con torte, bibite e pranzo al sacco. Veramente un'ospitalità incredibile.
Scesi dalla cabinovia un’altra sorpresa ci aspettava: il 27 Giugno è stato il compleanno di Massimo, uno dei nostri ragazzi, e gli amici dell’Elba gli hanno fatto una festa a sorpresa con tanto di torta di bibite di candeline e di coriandoli. Lo hanno festeggiato con tanta allegria e amore, come uno di loro. Massimo si è emozionato e noi tutti con lui. L’ora della partenza si stava avvicinando e qualche lacrima già cominciava a scendere. Dovevamo partire, ma Alessandro Davini ci aveva ancora prenotato un’altra visita, sempre a Marciana Marittima, la visita della fortezza di Marciana, dove un professore ha spiegato l’utilità della fortezza e ci ha illustrato un marchingegno antico che serviva per aprire i varchi tra le mura. Un po’ di corsa, dovevamo infatti tornare a Portoferraio per imbarcarci, i saluti, abbiamo pianto tutti, ci siamo scambiati numeri ed indirizzi, e la promessa che ci rivedremo a Roma per Aprile, cercando di contraccambiare tutto ciò che loro hanno fatto per noi.
Ci hanno dato la cena al sacco e davvero si può dire che hanno pensato a tutto.

Sono stati giorni pieni, stancanti, ma la stanchezza la sopportavamo perché siamo stati bene.
I nostri ragazzi ed i loro accompagnatori non si sono mai lamentati, il tempo è passato veloce tra una attività e l’altra, tra una passeggiata tra i monti ed un'escursione in mare.
Partenza da Portoferraio alle ore 16 e rientro a Roma presso il circolo Panda dove il nostro presidente Nando ci stava aspettando.



Condividi: facebook twitter linkedin myspace technorati yahoo google reddit wikio okno del.icio.us Digg Segnalo

ArchivioArchivio  CercaCerca  InviaInvia  StampaStampa  PDFPDF  RSSRSS           Letture 1116, stampe 526